20.00

In Stock

Cordelia mia,

  un abbraccio è una battaglia?

Tuo Giovanni

Il diario del seduttore, pubblicato da Kierkegaard nel 1843, mette in scena l’astuto ed elegante gioco estetico del seduttore che conquista la sua preda incantandola con le armi dello spirito. Si tratta di una figura demoniaca, che arriva a possedere la donna, rapita dalla musica ammaliante della sua arte, per poi abbandonarla in una logorante disperazione.

Disponibile

Compare
Categorie: , Anno 2013

Descrizione

Kierkegaard ha distinto tre momenti ideali nel ritmo del suo pensiero: lo stadio estetico, quello etico e quello religioso. “Il Diario del seduttore” appartiene agli scritti più tipici del momento estetico e costituisce insieme al geniale commento del “Don Giovanni” mozartiano – uno dei capitoli centrali di “Enten-Eller” (1843) o “Aut-Aut”.

Nello sviluppo della filosofia esistenziale kierkegaardiana, che è una filosofia della scelta tra diverse possibilità di vita, i primi due momenti vengono superati, sotto la spinta della noia, della malinconia, o dell’imperscrutabile fede, per sfociare nell’unico stadio che abbia validità assoluta: quello religioso. Kierkegaard ha infatti dichiarato che le sue opere estetiche non sono che una maschera, una scenografia letteraria che fa da sfondo a quella che è la sua vocazione dominante e unica di scrittore religioso. Dobbiamo credergli? Questa interpretazione coincide anche con l’immagine che la tradizione storica ha fissato di Kierkegaard, ma, pur nell’ipotesi che negli scritti estetici Kierkegaard si celi, con un’abile regia, dietro una maschera, vale la pena di chiedersi perché e come egli abbia indossato quella maschera.

Nell’estetica di Kierkegaard non incontriamo teorie sul bello o sull’arte, bensì figure di gaudenti e di esteti che vogliono gustare dalla vita il massimo piacere, creando un’opera d’arte dalla loro stessa esistenza.

Informazioni aggiuntive

Editore

Nota biografica

Søren Aabye Kierkegaard (1813 – 1855) è stato un filosofo, teologo e scrittore danese, il cui pensiero è da alcuni studiosi considerato punto di avvio dell'esistenzialismo.

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Diario del seduttore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *