13.00

In Stock

Se il potere connesso all’eros e all’amore è quello di essere un’esperienza irriducibilmente individuale, sempre irripetibile e quindi a suo modo anarchica, in questo testo agile e penetrante Byung-Chul Han svela il lato in ombra di tale esperienza: la manipolazione politico-economica dell’eros.

Da Platone al neoliberismo, il controllo delle passioni è uno strumento essenziale con cui il potere “addomestica” e addormenta la loro forza dirompente e liberatoria, che turba ogni ordine e modello. Ma, secondo Han, nella contemporaneità trasparente, orizzontale, assediata dalla serialità e dall’iperproduzione, si assiste a una radicale perdita di profondità, alterità e forza di “resistenza” dell’eros: anche in questo campo, l’individuo è ridotto a soggetto-macchina di “prestazione”, catturato nella passività e nell’eccesso dell’uguale.

Stiamo diventando immuni all’eros?

Compare
Categorie: , Anno 2019

Descrizione

Spesso, in tempi recenti, è stata annunciata la fine dell’amore. Oggi, l’amore sarebbe vittima dell’illimitata libertà di scelta, della molteplicità delle opzioni e dell’impulso all’ottimizzazione.

L’amore non sarebbe possibile in un mondo di possibilità illimitate.  

Informazioni aggiuntive

Editore

Nota biografica

Byung-Chul Han, nato a Seul, è considerato uno dei piú interessanti filosofi contemporanei. Docente di Filosofia e Studi Culturali alla Universität der Künste di Berlino, ha pubblicato con nottetempo La società della stanchezza (2012, 2020), Eros in agonia (2013, 2019), La società della trasparenza (2014), Nello sciame (2015), Psicopolitica (2016), L’espulsione dell’Altro (2017), Filosofia del buddhismo zen (2018), La salvezza del bello (2019) e Che cos’è il potere? (2019).

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Eros in agonia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *