Antonio Errico

Antonio Errico è nato in provincia di Lecce dove vive e lavora come dirigente scolastico di un liceo.

Collabora a quotidiani e periodici, riviste letterarie e scolastiche.

Ha pubblicato volumi di narrativa e di saggistica: Tra il meraviglioso e il quotidiano (1985); Favolerie (Manni 1996); Il racconto infinito. Saggio su Luigi Malerba (1998); Fabbricanti di sapere. Metodi e miti dell’arte di insegnare (Manni 1999); Angeli regolari (2002); L’ultima caccia di Federico Re (Manni 2004); Salento con scritture (2005); Viaggio a Finibusterrae. Il Salento fra passioni e confini (Manni 2007); Stralune (Manni 2008); Le ragioni della passione. Approdi e avventure del sapere (Kurumuny 2009); L’esiliato dei Pazzi (Manni 2012); Fiabe e leggende di Puglia (Capone 2013); La pittora dei demoni (Manni 2014), Peccata (Manni 2019). Ha curato l’antologia Poeti a Finibusterrae (Provincia di Lecce 2009) e la riedizione di Secoli fra gli ulivi, di Fernando Manno (Manni 2007).

Collabora assiduamente con la rivista online “Iuncturae”: http://www.iuncturae.eu/tag/antonio-errico/ .

Con AnimaMundi ha pubblicato L’imperfetto lettore (2018).

Ordina per:
Mostra:
  • Versione Standard

    Affacciati a un balcone, una di queste sere, come io al mio: in quel momento nessuno dei due starà aspettando niente. Stringeremo così da due capi lontani, diversi, la stessa solitudine.

    Antonio Errico

    2.00
    Editore : Dante & Descartes
    Autore : Antonio Errico
    Anno : 2004
  • Versione Digitale / Standard

    Antonio Errico

    Forse almeno una volta avrà avvertito la sensazione che gli altri si siano allontanati tutti, di essere rimasto solo in una stanza, sulla panchina di un viale, nella sala d’aspetto di una stazione, solo dentro il paesaggio di quel libro, di quel reportage, solo con i personaggi che raccontano la loro storia, solo con le parole di quella poesia da cui fiottano immagini, pensieri, colori.
    È bella, quella solitudine: a condizione che duri poco, che dopo ricominci il brusio delle voci, l’ansioso andirivieni, il frastuono della giostra, il salto degli ostacoli, l’affanno del giorno. Ma per il tempo che è durata la lettura, si è stati in un posto dove gli altri non sono stati mai, nemmeno se hanno letto la stessa pagina, lo stesso verso, perché hanno letto in un modo diverso, in un’altra situazione, per un altro bisogno, per un altro passatempo. Ciascuno ha letto soltanto in compagnia di se stesso, e il se stesso è sempre diverso da ogni altro sé.

    Antonio Errico

    4.9012.00
    Anno : 2018
    Autore : Antonio Errico
    Tipologia : Ebook - Libro