4.90

In Stock

Disponibile

Compare
Codice Prodotto: 20015062012 Categorie: , , , , Anno

Autore Marco Poeta e Roberto Licci

Scopri tutti gli altri prodotti dello stesso autore presenti sul nostro store. Clicca qui.

Descrizione

La saudade portoghese incontra la malìa dei canti tradizionali salentini, tra le corde della guitarra portuguesa di Marco Poeta, ambasciatore del fado in Italia, e Roberto Licci, voce fatata e storica del Salento, fondatore dei Ghetonìa. Il disco, il cui titolo tra portoghese e griko salentino significa una scintilla nel cuore, è un incontro tra due terre più simili di quanto possa sembrare. Dalle sonorità delle lingue (portoghese e dialetto salentino romanzo) all’ariosità dei canti d’amore e nostalgici della grecìa salentina. Arrangiamenti delicati e calibrati, suoni caldi e tanto pathos fanno di quest’album una vera chicca.

______________

Marco Poeta e Roberto Licci

Dalla bossa nova al fado, dalle collaborazioni con jazzisti come Franco D’Andrea, Franco Cerri, Enrico Intra, Ares Tavolazzi ai cantautori Finardi, Dalla, Servillo, Bubola, Bindi, Francesco di Giacomo ma soprattutto Sergio Endrigo. Marco Poeta è un eclettico chitarrista di cui è noto il suo amore per la guitarra portuguesa e il fado, per il quale in Italia è un ambasciatore. Roberto Licci è invece una voce unica e storica della musica tradizionale salentina. Cantante solista prima del Canzoniere Grecanico Salentino e dal 1992 leader dei Ghetonìa, famoso ensemble dallo stile raffinato e il repertorio in griko, idioma della Grecìa Salentina. I due si incontrano per la prima volta qualche anno fa ed esordiscono con il disco Mia spitta no coração (AnimaMundi).

 

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Autore / Autrice

Scopri tutti gli altri prodotti di Marco Poeta e Roberto Licci presenti sul nostro store.
Clicca qui.