12.00

In Stock

La trasparenza e i dispositivi digitali hanno cambiato gli uomini e il loro modo di pensare. Alla comunicazione in presenza, alla capacità di analisi e alla visione del futuro si sono sostituiti interlocutori fantasmatici immersi in un presente continuo e sempre visualizzabile attraverso uno schermo.

Il soggetto capace di annullarsi in una folla che marcia per un’azione comune, ha ceduto il passo a uno sciame digitale di individui anonimi e isolati, che si muovono disordinati e imprevedibili come insetti.

Han si interroga su ciò che accade quando una società – la nostra – rinuncia al racconto di sé per contare i “mi piace”, quando il privato si trasforma in un pubblico che cannibalizza l’intimità e la privacy. E su che cosa comporta abdicare al significato e al senso per un’informazione ovunque reperibile ma spesso non attendibile.

Compare
Categorie: , Anno 2015

Descrizione

Oggi le immagini non sono solo riproduzioni, ma anche modelli. ci rifugiamo nelle immagini per essere migliori, più belli, più vivi.

Per accelerare l’evoluzione, ci serviamo evidentemente non solo della tecnica ma anche delle immagini: è possibile che l’evoluzione si basi fondamentalmente su un’immaginazione? Che l’Immaginario sia costitutivo per l’evoluzione? 

Informazioni aggiuntive

Editore

Nota biografica

Byung-Chul Han, nato a Seul, è considerato uno dei piú interessanti filosofi contemporanei. Docente di Filosofia e Studi Culturali alla Universität der Künste di Berlino, ha pubblicato con nottetempo La società della stanchezza (2012, 2020), Eros in agonia (2013, 2019), La società della trasparenza (2014), Nello sciame (2015), Psicopolitica (2016), L’espulsione dell’Altro (2017), Filosofia del buddhismo zen (2018), La salvezza del bello (2019) e Che cos’è il potere? (2019).

Anno

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Nello sciame”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *